Informazione giuridica

IL "BACIO RUBATO" NON É VIOLENZA SESSUALE

Il semplice bacio sulla guancia non assume ex se una fisionomia ed un significato sociale idonei a sussumerlo nella nozione di “atto sessuale” rilevante ai fini della configurazione del delitto di violenza sessuale, p. e p. dall’art. 609 bis cod. pen., in quanto non aggressivo della libertà di autodeterminazione della vittima in ordine ai comportamenti da tenere ad esplicazione della propria corporeità sessuale e con riguardo al soggetto col quale compierli. La condotta descritta può tuttavia essere qualificata nei termini di un atto sessuale stigmatizzato dall’art. 609 bis cit., nel caso in cui costituisca un tentativo di raggiungere la bocca, così come nell’ipotesi in cui risulti qualificata da ulteriori fattori coartanti in concreto aggressivi della sfera sessuale della vittima. In disparte le ipotesi citate, il bacio sulla guancia dato alla vittima in assenza di un suo consenso – e tale è pure il caso del bacio sulla guancia c.d. “repentino” – va punito applicando la norma sulla violenza privata, art. 610 c.p.

Cassazione penale, sez. III, 5 maggio 2016 (ud. 19 novembre 2015), n. 18679 - Presidente Amoresano, Relatore Aceto, P.G. Gaeta

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok