Informazione giuridica

RESPONSABILITÀ DEI GENITORI PER LE FOTO DEI LORO BAMBINI SU INTERNET?

Deve, innanzitutto, ricordarsi che l’art. 10 del codice civile recita “Qualora l'immagine di una persona o dei genitori, del coniuge o dei figli sia stata esposta o pubblicata fuori dei casi in cui l'esposizione o la pubblicazione è dalla legge consentita, ovvero con pregiudizio al decoro o alla reputazione della persona stessa

o dei detti congiunti, l'autorità giudiziaria, su richiesta dell'interessato, può disporre che cessi l'abuso, salvo il risarcimento dei danni”. A tal proposito, seppur in una situazione particolare ma che deve essere presa per buona in casi diversi ma simili la giurisprudenza ha evidenziato “Ben possono esser adottati provvedimenti limitativi della potestà parentale qualora i genitori di una minore adolescente in condizioni psichiche menomate manifestino notevole inidoneità allo svolgimento del ruolo genitoriale, fino al punto di disinteressarsi del comportamento irregolare della figlia (solita ad intrattenere relazioni sessuali plurime, indiscriminate e con soggetti diversi, perché incapace, data la propria minorazione psichica, di valutare i significati e le conseguenze delle profferte sessuali ricevute, e, quindi di resistervi), e di consentire, allo scopo di frustrare l'intervento del giudice minorile, a che la minore venisse esposta, attraverso i mass media, a morbose, collettive curiosità, promuovendo in tal modo la violazione della riservatezza dovuta alla minore anche a causa delle di lei condizioni fisiopsichiche, e procurando ad essa ulteriore, notevole pregiudizio” (cfr. Trib. Minorenni Catania, 21/06/1990).

“In virtù della disposizione di cui all'art. 16 della Convenzione sui diritti del fanciullo approvata a New York il 20 novembre 1989 (e ratificata dallo Stato italiano con la legge 27 maggio 1991, n. 176), alla stregua della quale è sancito che nessun fanciullo può essere oggetto di interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza, e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione, con il riconoscimento del suo diritto alla protezione della legge contro tali interferenze od affronti, nonché della correlata previsione - contenuta nell'art. 3 della stessa Convenzione - secondo la quale in tutte le decisioni relative ai fanciulli emanate (anche) dall'autorità giudiziaria "l'interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente", risulta conseguente ritenere che il diritto alla riservatezza del minore deve essere, nel bilanciamento degli opposti valori costituzionali (diritto di cronaca e diritto alla "privacy") considerato assolutamente preminente, laddove si riscontri che non ricorra l'utilità sociale della notizia e, quindi, con l'unico limite del pubblico interesse. (Nella specie, la S.C., richiamata tale specifica normativa, il cui riferimento era stato completamente omesso nell'impugnata sentenza, ha cassato con rinvio la sentenza stessa, con la quale era stata rigettata la domanda di risarcimento danni proposta dalla madre di un fanciullo in conseguenza della riproduzione su una rivista settimanale del figlio minore - ritratto senza particolari cautele per renderlo non riconoscibile - vicino ad una famosa attrice in topless nel mentre trovavasi su una spiaggia in un atteggiamento di lotta scherzosa con il padre del bambino, all'epoca ancora non separato legalmente dalla madre, sul presupposto che, dal contesto del servizio, relativo a fatti svoltisi in pubblico, non potesse derivare alcun pregiudizio alla riservatezza, nonché al decoro e alla reputazione per il minore - indicato, nel relativo articolo, come un parente dell'uomo - e per la di lui madre). (Cassa con rinvio, App. Milano, 4 Dicembre 2001)” (cfr. Cass. civ. Sez. III, 05/09/2006, n. 19069 (rv. 592045) - A.T. c. Hachette Rusconi S.p.A.).

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok